Prevenzione

Il nostro Centro si occupa della Prevenzione primaria e secondaria del cancro della mammella.
Il Carcinoma mammario colpisce ogni anno in Italia oltre 50.000 donne e costituisce la prima causa di morte nelle donne over 35 anni…...ma, se preso in tempo, non è letale.

Il grafico mostra che il numero delle diagnosi di carcinoma mammario è aumentato costantemente fino a stabilizzarsi negli ultimi anni su livelli però molto elevati (una donna su otto si ammala nella vita di carcinoma mammario), mentre la mortalità è in costante e progressiva diminuzione dagli inizi degli anni 90 ad oggi grazie all’”anticipazione diagnostica”(diagnosi precoce) ed alle terapie (chirurgia, radioterapia, ormonoterapia, chemioterapia, terapia a bersaglio biologico etc..).

L’anticipazione diagnostica, è lo strumento della "Prevenzione secondaria".

Nel grafico che segue si osserva come con l’inizio dei programmi di Screening negli anni 80/90 si è osservata una riduzione della mortalità per ca. mammario che prosegue fino ai giorni nostri

Carcinoma mammario italia 2014

Le buone notizie sull'efficacia della Prevenzione vengono dal fatto che a fronte di 767.000 donne che vivono attualmente con una diagnosi di ca. mammario (quella che viene chiamata "prevalenza") le morti per anno sono 12.274 cioè l'1,6%....un grande risultato e un invito a credere nella scienza .

Anticipazione diagnostica

I programmi di Screening hanno ottenuto grandi risultati sulle popolazioni alle quali sono stati applicati con una riduzione della mortalità oltre il 30% , utilizzando la sola Mammografia come test.

Sensibilità mammografica

Tuttavia la Mammografia da sola ha un limite intrinseco di sensibilità che non consente di diagnosticare un’ampia percentuale di tumori, specialmente nei seni densi.

Studio retrospettivo

Così, numerosi autori in tutto il mondo (Berg, Cheng, Di Maggio,Kasahara, Kolb, Buchberger, Kaplan, Bae, Philpotts, Nothacker,etc,etc) hanno dimostrato che affiancando alla Mammografia l’Ecografia ed eventualmente altre metodiche (esempio Tomosintesi, RM, CESM) la sensibilità diagnostica poteva essere assai maggiore “perdendo” così pochissimi tumori. Nel 2014 Bae e Coll pubblicano su Radiology un lavoro di revisione di 329 casi di carcinomi della mammella diagnosticati solo con ECO e con MX negativa. 5 radiologi esperti in senologia hanno rivisitato le 329 mammografie negative per tentare di "recuperare diagnosi perse"...ebbene nell'81% le Mx rimanevano negative e nel 19% si ritrovavano piccoli segni (minimal sign)....con senno di poi.
L'ecografia ha un ruolo strategico nella diagnosi senologica

Imaging integrato

Se paradossalmente si potesse fare MX+ECO+RM, la Sensibilità arriverebbe quasi al 100% (99,4%),come dimostrato in un lavoro del 2004 della Berg . Ovviamente un tale approccio non è proponibile ma serve a capire il contesto in cui si muove la diagnosi senologica.

Early breast cancer

Tabar in Svezia rilevava che tutti i tumori diagnosticati al di sotto dei 9mm di diametro mostravano una sopravvivenza del 98% a 15 anni di distanza e quelli entro i 14mm una sopravvivenza dl 94,3% a 20 anni!!!

Sulla base di queste evidenze e su dati ricavati da un lavoro fatto in IEO su 1258 donne asintomatiche cui era stato diagnosticato un ca. della mammella solo con esami di imaging (MX, ECO) e che a distanza di 5 anni erano vive nel 98,6%, Umberto Veronesi concepì un Progetto che chiamò "Mortalità Zero", che si basava proprio sulla massima ottimizzazine possibile della Diagnosi senologica, utilizzando cioè tutti gli strumenti diagnostici possibili (MX ECO, Tomosintesi, RM, CESM, etc...) integrati in opportuni schemi ed intervalli temporali.
Oggi il progetto è stato ripreso dalla Fondazione Veronesi e dal CNR di Pisa che gestiscono una mole di dati diagnostici provenienti da numerosi fra Ospedali e Università e Centri senologici privati italiani (fra cui la Senologica che ne è stata promotrice) su decine di migliaia di donne, per una durata di almeno 5 anni.
In questo periodo il progetto che ora si chiama PINK (Prevention Imaging Network Knowledge) esaminerà circa 50.000 donne con vari percorsi diagnostici, utilizzando ed armonizzando le varie metodiche in più combinazioni e senza mai fermarsi alla sola mammografia.
L'obiettivo finale è di rilevare qual'è il percorso in grado di "produrre la migliore anticipazione diagnostica".

Le donne che vogliono partecipare possono trovare le informazioni utili sul sito www.pinkstudy.it

La “Senologica” effettua gli esami diagnostici ispirandosi alla “qualità della diagnosi” ed al “rigore degli intervalli”.

Questi dati devono diventare “cultura” per tutte le donne e ci hanno spinto a migliorare l’approccio diagnostico:
  • donne fra i 30 e 40 anni:  visita+ecografia/annuale
  • donne over 40: visita+mammografia+tomosintesi+ecografia/annuale
  • donne over 50 con seno completamente adiposo: visita+mammografia+tomosintesi/annuale/biennale
  • donne ad “alto rischio eredo-familiare”: visita+mammografia+ecografia+RM/annuale + Eco/sem
"Senologica" effettua: Visita senologica, Mammografia, Ecografia (eventualmente con color-doppler), consulenze (gratuitamente), esame citologico con Agoaspirato eco guidato con la presenza del Patologo, Core-biopsy eco guidata; inoltre si avvale della collaborazione con la Senologia dell’Ospedale della Spezia per la Risonanza Magnetica e la Biopsia vacuum-assistita.

Presa in carico della donna

Una volta conclusa la Diagnosi il nostro Centro avvia la paziente alle terapie necessarie avvalendosi della stretta collaborazione con l’Ospedale della Spezia, con lo IEO di Milano e altri ospedali.
.La “Senologica” infatti fa parte della rete oncologica IEO "un medico IEO nella tua città" , che è una “community scientifica” in cui il tumore della mammella costituisce argomento primario e che consente di fruire di visite e consulenze in Milano e La Spezia di alcuni professionisti IEO come il prof. P.Veronesi, il prof. B.Bonanni, la dott.ssa Galimberti, il dott. Cassano, etc…

Donne ad alto rischio eredo familiare

….presso SENOLOGICA si può effettuare una valutazione del rischio “eredo-familiare” dei tumori femminili grazie alla presenza del Dott. B.Bonanni, direttore della Oncologia Genetica dello IEO e uno dei massimi esperti italiani del campo, riceve una volta al mese, previo appuntamento con la Segreteria.

Le donne che hanno una familiarità per i tumori del seno e/o dell’ovaio sono selezionate dal radiologo e/o dal ginecologo e possono fruire dell’approfondimento da parte del professore.
Di queste, quelle valutate ad “alto rischio” verranno inserite in un programma di “protezione-prevenzione” secondo schemi diagnostici mirati e proposte per terapie dedicate.

a proposito di prevenzione

per gentile concessione
Dott. Bernardo Bonanni
Direttore Divisione di Prevenzione e Genetica Oncologia IEO

Prevenzione primaria

Prevenzione primaria

La Prevenzione primaria riguarda invece il tentativo di “non ammalare” di cancro della mammella e si fonda sostanzialmente sullo stile di vita e sull’alimentazione.

Nutraceutica

La recente letteratura scientifica ha evidenziato numerose correlazioni “cancro-alimentazione”, come deriva da una vera e propria nuova branca della scienza dell’alimentazione: la nutraceutica.

WCRF

L’American Institute Cancer Research (AICR) valuta intorno al 30% la percentuale dei tumori correlati all’alimentazione. Il WCRF (World Cancer Research Fundation) nel suo Decalogo che emette ogni 5/7 anni affida la gran parte della Prevenzione Primaria all’alimentazione.

Stile di vita sano

Con uno stile di vita sano è possibile prevenire circa un terzo dei tumori.

Stress ossidativo

Lo stress ossidativo e l'infiammazione cronica si correlano con i tumori.

Obesità

Anche l'obesità interviene nella cancerogenesi di alcuni organi come: mammella, rene, colon, endometrio, esofago.

O.R.A.C.

L'assunzione con la Dieta di alimenti con alto valore ORAC contribuisce a "SPEGNERE L'INFIAMMAZIONE"

Alimenti e cancerogenesi

Sigimura già dal 2004 individuava dei fattori Iniziatori, Promotori ed Inibitori della cancerogenesi, come nel grafico seguente

In IEO opera un gruppo di ricercatori che fa capo alla dott.ssa Lucilla Titta che si occupa della Nutrizione nei suoi rapporti con i tumori e delle possibilità terapeutiche degli alimenti (Nutraceutica)

Presso la Senologica è attivo un Centro di Nutrizionistica diretto dalla dott.ssa Frontignano, che opera in collaborazione con lo IEO (dott.ssa Titta e Ghelfi), col quale è possibile reimpostare una corretta alimentazione e stile di vita proprio con l’obiettivo della prevenzione primaria dei tumori.
Inoltre, saltuariamente si organizzano corsi di cucina e di educazione alimentare con il dott. M.Bianchi, ricercatore dello IEO e divulgatore scientifico (Sky, etc..).

Per appuntamenti

lunedì e mercoledì mattina - giovedì e venerdì pomeriggio
al numero 335 69 22 123
Per appuntamenti con il Dott. Pasquale Fruttauro telefonare al 338 57 28 817
Accesso agli studi medici da Corso Nazionale 246 primo piano
scale o ascensore sopra banca Carige